Frese per il legno come sceglierle

Frese per il legno: come sceglierle?

Pensando alla fresatura del legno subito sovviene alla mente un’immagine: un tavolo di legno in una baita di montagna, perfettamente levigato e lucido, intagliato in vari punti, smussato negli angoli in modo preciso e attento.

Ma come avviene questo processo un pò magico? Per fresare il legno, ovvero produrvi incisioni, ribassi, bordature e scanalature di vario genere, sarà necessaria una fresatrice, una macchina che possiede un motore elettrico che fa ruotare un mandrino nel quale s’inseriscono diversi tipi di frese.

Le frese per il legno

La fresa è un utensile cilindrico con denti taglienti di diverse forme e misure; a seconda del numero e della posizione dei denti, la fresa offrirà una lavorazione diversa del legno; in linea di massima maggiore è il numero di denti migliore è il grado di finitura apportato al pezzo in lavorazione.

Esistono diversi tipi di frese, con forme e geometrie differenti a seconda delle lavorazioni da effettuare:

  • Frese elicoidali
  • Frese a denti sfalsati
  • Frese ad angolo doppio
  • Frese piane
  • Frese a candela
  • Frese a smussare
  • Frese frontali

Il materiale che costituisce le frese per legno può essere metallo o a rivestimento in polvere diamantata. La selezione del materiale eviterà che si surriscaldi e di conseguenza che rovini il legno appena lavorato.

La scelta della fresa

Scegliere la fresa adatta non è così banale anzi, per non sbagliare bisogna considerare diversi aspetti:

  • Conoscere il tipo di legno che si deve lavorare

Esistono infatti legni teneri e legni duri; i tipi di legno più comunemente usati sono l’abete e il pino, che sono poi anche i più venduti nei centri commerciali.

  • Capire la lavorazione e la finitura che si vuole ottenere

Si deve effettuare un intaglio, o magari un foro, o si deve fare una rifilatura?
Esistono kit di frese per il legno composti da: frese dritte, frese per scavare il legno, frese per rifilare: per ogni lavorazione e profilo che si vuole ottenere c’è una fresa dedicata.

  • Scegliere la fresatrice

Esistono fresatrici verticali o a controllo numerico; esistono molti modelli, di numerose dimensioni a seconda dell’utilizzo.

  • Identificare un numero di pezzi da lavorare

Questo dato è facilmente ottenibile a seconda che ci si occupi di fresature a livello hobbistico/ amatoriale oppure si sia artigiani o falgnami professionali.

Garantire la qualità del taglio e la sua durata

Il materiale delle frese deve essere unico e duraturo, per poter offrire una buona performance nel tempo, qualsiasi sia la scelta del suo utilizzo; per questo ci si aspetta una buona resa, sia il suo un uso professionale, sia amatoriale; esistono frese ricoperte con polvere di diamante, che assicurano una maggior durata di lavorazione con una minor manutenzione, anche su derivati del legno.

Allo stesso modo, come accennato sopra, i Kit di frese per il legno, personalizzabili ed assemblabili a seconda del bisogno, possono soddisfare anche i fresatori più esigenti, che vogliono avere a disposizione la fresa ideale per il proprio pantografo.

Il mondo della fresatura del legno è in continua espansione e offre sempre nuove tecnologie, per cui conviene rimanere sempre informati e soprattutto, in caso di necessità o di dubbi, avere un punto di riferimento su cui contare e al quale affidarsi.

Per ognuna di queste esigenze è nato e si è fatto spazio tra gli altri il primo ed unico portale dedicato alle frese ed alla fresatura del legno, dove si potrà ricevere assistenza veloce e completa, scegliere ed acquistare frese robuste e precise: https://www.fraisertools.com/
Visitando il portale si potrà scegliere tra frese, ricambi ed accessori, avendo a disposizione personale qualificato e uno spazio dedicato per i propri parametri di lavorazione.